Come vendere (più) prodotti online in poco tempo

21 Ottobre 2020 16 minuti
vendere prodotti online

Quando si decide di aprire un e-commerce, ci sono molti aspetti da curare.

Si parte dalla definizione del progetto fino alla scelta della piattaforma da utilizzare.

Ma quello che preme di più sapere a chi avvia un’attività su Internet è come vendere prodotti online in poco tempo.

  • Quanto tempo ci vuole per attirare clienti sul tuo e-commerce?
  • Dopo quanto si iniziano a vedere i primi guadagni?
  • Che impegno è necessario perché il sito di vendita online cominci a viaggiare e a fare numeri interessanti?

È inutile prendersi in giro, chi decide di vendere su Internet non lo fa né per filantropia né per realizzare un sogno.

Chi apre un negozio online desidera creare un’attività da gestire come secondo lavoro, per aumentare le proprie entrate o trasformarsi in un vero e proprio imprenditore. Ma qualunque sia la motivazione iniziale, il desiderio di chi ha uno shop online è quello di aumentare le vendite in tempi brevi.

Vediamo quali sono i modi per avere successo in maniera rapida con la vendita online.

Perché dovrei iniziare a vendere online?

Se il tuo desiderio è quello di avviare un’attività imprenditoriale o se hai già un negozio fisico e il commercio online ti incuriosisce, non esistono ragioni perché tu non inizi a capire come si debba svolgere questa attività.

La vendita online richiede un impegno economico e di tempo molto differente rispetto ad un negozio fisico. Infatti, per aprire uno shop su Internet e iniziare a vendere i propri prodotti, non è necessario investire denaro per:

  • l’affitto di un locale;
  • la gestione del personale;
  • la creazione di un magazzino vasto.

Vendere con l’e-commerce elimina gran parte di questi costi e, grazie alla tecnologia, anche il tuo tempo non dovrà essere impiegato per tenere la serranda alzata dalle 8 alle 12 ore al giorno.

Questo non significa che un negozio virtuale sia un’attività autonoma e si autogestica. Anzi!

Il commercio elettronico è impegnativo e, per cominciare a vedere le prime entrate, bisogna dedicargli tempo. Ma, grazie all’aiuto della tecnologia e all’alleggerimento dei costi, puoi focalizzarti sulla crescita della tua attività in maniera esclusiva.

Una volta che avrai stabilito i punti cardine del tuo e-commerce, come l’idea di business, la struttura del sito e la strategia di marketing online, il tuo negozio inizierà a muoversi in maniera indipendente e tu dovrai occuparti di analizzare con cura i dati e monitorare l’andamento del sito.

Ma a cosa serve aprire un negozio online visto che esistono già diversi colossi della vendita come eBay o Amazon a cui puoi appoggiarti per distribuire i tuoi prodotti?

Il mercato è vario e in continua evoluzione e non è saggio affidarsi solo a dei provider. Un negozio autonomo e con una propria personalità può ritagliarsi una fetta importante di mercato e costruirsi una nicchia da cui trarre profitti interessanti.

Quali tipi di prodotti posso vendere online?

I prodotti da vendere su Internet, a prescindere dal settore in cui decidi di inserirti, possono essere distinti in:

  • prodotti di largo consumo;
  • prodotti di nicchia.

I primi sono quelli più popolari e richiesti, poiché nessuno ne può fare a meno. Costituiscono il volume maggiore delle vendite online e comprendono sia prodotti fisici che digitali.

Esempi di beni di largo consumo sono: generi alimentari, abbigliamento, libri.

I prodotti di nicchia sono riservati a gruppi più ristretti di persone che cercano articoli specifici e oggetti rari.

Alcuni esempi di beni di nicchia sono i prodotti artigianali, tipo collane ciondoli, capi realizzati su misura, o quelli destinati a segmenti specifici, come i mancini o i collezionisti.

Muoversi solo sul largo consumo è molto rischioso per un’attività online, poiché l’acquisto di piccole quantità rende impossibile reggere il prezzo dei mercati principali, come Amazon. Questi difatti riescono ad ottenere prezzi più vantaggiosi visti i volumi di traffico che generano.

La nicchia, d’altro canto, non ti assicura una rendita costante nel tempo e non ti permette di raggiungere un numero importante di acquirenti.

In genere, gli e-commerce di successo non si focalizzano su un tipo di prodotto anziché sull’altro. Un’ottima strategia, per dare un’offerta variegata e non esser schiacciati dalla concorrenza, è quella di mixare le due tipologie, proponendo prodotti di nicchia accanto a prodotti commodity. Così facendo, potrai basare la tua strategia sulla crescita del tuo brand e offrire un’esperienza unica ai tuoi clienti.

Come faccio a capire quali sono i prodotti giusti?

Se ancora non hai le idee chiare su quali prodotti inserire nel tuo catalogo, non abbandonare il tuo progetto!

In un mercato saturo come quello di Internet, non è facile avere idee originali e proporre prodotti unici.

Per aiutarti a capire quali sono i prodotti giusti per iniziare a vendere online in poco tempo, prova a seguire questa lista di consigli:

Individua o crea prodotti che risolvono un problema

Avere idee nuove dal nulla non è affatto semplice. Tuttavia non si può nemmeno stare fermi in attesa di un’ispirazione.

Per trovare un prodotto da vendere online, comincia a riflettere sui problemi della tua vita. Vedrai che, partendo dalle situazioni difficoltose, riuscirai a capire quali sono state o sarebbero state le soluzioni utili e funzionali per affrontarle con successo

Considera che non devi necessariamente inventare qualcosa di nuovo. Un prodotto può essere migliorato, può essere inserito in un mercato nuovo o posizionato in modo differente.

Scegli in base alle tue (non solo alle tue) passioni e competenze:

Lavorare su un progetto che ti appassiona ti permette di trasmetterne il valore con maggiore consapevolezza.

Chi meglio di un appassionato può raccontare una storia in modo coinvolgente?

Vendere un prodotto che conosci in maniera perfetta, ti permette di approfondirne gli aspetti, di parlare delle sue caratteristiche e di creare empatia con i tuoi clienti.

Crea un prodotto brandizzato

Dopo aver individuato un prodotto, lavora sul suo branding. Le persone hanno bisogno di qualcosa in cui riconoscersi.

Un prodotto e un marchio riconoscibili e memorabili sono perfetti per creare comunità.

Ci sono molti articoli che si prestano bene per essere brandizzati. Non c’è bisogno che siano esclusivi o mai visti prima. Il segreto è tutto nella narrazione e nella creazione del valore.

Segui le tendenze del mercato e approfittane

Cosa è diventato di tendenza negli ultimi anni? Quale oggetto può ancora essere sfruttato?

Approfittare di un mercato emergente è una grossa opportunità per chiunque voglia fare business. Per muoversi in questi mercati però, bisogna essere sempre molto aggiornati e iniziare a riconoscere quali sono i prodotti che stanno facendo o che faranno tendenza.

Il segreto è iniziare a lavorarci prima che raggiungano il proprio picco e inizino a passare alla fase discendente. In questo modo potrai affermarti come leader di mercato a sfruttare la SEO a tuo vantaggio.

Trova prodotti che soddisfano vizi e piaceri

Posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni.”

Questa citazione di O. Wilde dovrebbe trasformarsi in un mantra per chiunque si occupi di vendita e sia alla ricerca di un prodotto. Difatti, gli acquirenti sono sempre disposti a spendere del denaro per qualcosa che li rende felici e che soddisfa i loro vizi e passioni.

vendere prodotti online

Se poi trovano un marchio che comprende la loro ossessione, si sentono complici e si trasformano in clienti fedeli.

Scova le nicchie

Le nicchie sono una fonte di reddito molto importante per i negozi di vendita online. Questo tipo di target, infatti, è molto coinvolto dal prodotto o ha necessità di averlo per i motivi più disparati.

La nicchia acquista sia per bisogno che per passione e questi elementi sono molto importanti per creare consapevolezza del marchio, fidelizzazione e aumento del traffico online.

In genere, inoltre, i prodotti di nicchia garantiscono un buon margine di profitto poiché la concorrenza è bassa o pressoché nulla.

Aggiornati sempre e osserva ciò che ti accade intorno

Un altro modo per scovare nuovi prodotti e capire quali saranno le tendenze del mercato è guardarsi sempre intorno con attenzione.

  • Quali sono le difficoltà delle persone?
  • Quali sono i settori in crescita?
  • Come puoi aiutare i tuoi vicini?

Tenendo gli occhi aperti, allenerai la tua mente a captare in anticipo i cambiamenti e a cogliere le opportunità di business.

Dove posso vendere?

Quando si ha un negozio fisico, i prodotti si possono mostrare solo nelle proprie vetrine, sfruttando spazi limitati. Il bello di un negozio online è che ti dà la possibilità di vendere su più canali, senza doversi rivolgere ad un solo sito web o mercato.

L’opportunità di essere visti quindi è amplificata e, un singolo prodotto, può essere “esposto” sul sito web del marchio, sui social, sui marketplace e non solo.

I diversi canali hanno regole molto diverse per vendere online. Ad esempio, alcuni ti permettono di aggiungere prodotti senza che tu abbia il tuo sito web, mentre per altri è una conditio sine qua non.

E-commerce

Avere un sito e-commerce di proprietà ti permette di lavorare sul tuo brand e costruire uno shop online personalizzato, in grado di offrire un’esperienza utente unica.

Ma non solo. Aprire un sito e-commerce è un’importante opportunità di business perché:

  • vendi senza intermediari, con margini di profitto più alti;
  • non hai spese fisse come per un negozio fisico;
  • sei a disposizione dei tuoi clienti 24 ore su 24;
  • puoi creare offerte personalizzate e costruire un rapporto stretto con i tuoi clienti;
  • il numero dei potenziali clienti è enorme;
  • puoi monitorare i dati sulle vendite in tempo reale;
  • puoi decidere se avere un magazzino o utilizzare il dropshipping.

I motivi per avere un sito di proprietà sono molti, ma è molto utile essere presenti anche sui marketplace.

Amazon

Proporre i tuoi prodotti su Amazon è come esporre qualcosa nel negozio più visitato al mondo. Ogni giorno, infatti, milioni di utenti cercano prodotti da acquistare proprio su questo marketplace.

Vendere su Amazon può avere molti vantaggi:

  • è la piattaforma più seguita al mondo;
  • l’inventario può essere sincronizzato con quello del tuo e-commerce;
  • può farti avere un aumento delle vendite di circa il 50%;
  • raggiungi nuovi clienti;
  • molte persone hanno più fiducia di acquistare su questo marketplace poiché si sentono più tutelate.

La vendita attraverso Amazon può essere molto produttiva ma per gestire le spedizioni, non pagare un canone mensile e non dover partecipare alla battaglia dei prezzi è importante valutare di affiancare questo servizio al proprio sito e-commerce.

Da Dove posso iniziare?

Per vendere online, ci sono molti passaggi da fare.

Dopo aver scelto i prodotti da commercializzare, si va dalla scelta del nome per la tua attività online, all’individuazione del tuo target. Ognuno di questi step è obbligatorio per iniziare a vendere in poco tempo tempo su Internet.

Segui la nostra checklist e vedrai che riuscirai ad aprire il tuo negozio online senza difficoltà:

1. Utilizza un nome di dominio che rifletta la tua attività

Il nome del dominio, o URL, è l’indirizzo che gli utenti digitano nel browser quando vogliono entrare sul tuo sito e-commerce.

Ricorda: l’URL è il primo approccio che i clienti hanno con te, per cui dovrai sceglierne uno semplice da ricordare, chiaro e non troppo lungo.

Se non ti viene nessun nome valido in mente, puoi utilizzare il nome del tuo brand. Così facendo il nome della tua attività sarà corrispondente a quello del tuo dominio, evitando qualsiasi complicazione.

Per aiutarti, ecco qualche indicazione sui particolari a cui dovresti fare attenzione:

  • il nome deve essere semplice da pronunciare ad alta voce. Non vorrai mica che i tuoi clienti ti chiedano ogni volta di fare lo spelling? O, peggio, sbaglino quando lo digitano e non visitino affatto il sito?
  • non inserire nell’URL parole simili ad altre o che possano creare malintesi, cifre o trattini poiché non favoriscono la comprensione del nome del tuo dominio;
  • se mescoli più parole insieme, bada bene che il mix non si trasformi in un termine ambiguo.

Tieni a mente che viviamo in un momento storico in cui la chiave per il successo è ridurre il carico dei problemi. Questo per dirti che, le persone non vogliono impegnarsi troppo. Quindi per facilitarle, la scelta migliore è quella di creare un dominio composto da una sola parola!

2. Crea il tuo sito e-commerce

Quando bisogna iniziare a progettare un sito web, molti imprenditori vengono bloccati dalla mancanza di competenze e dalla paura di dover affrontare costi troppi elevati.

Oggi, grazie alle piattaforme predefinite e alla agenzie specializzate nella creazione di e-commerce, è possibile avere un sito e-commerce completo senza che tu debba aggiungere funzionalità o lavorare sul codice.

In base alle tue esigenze, alla vastità del tuo catalogo e al numero dei negozi online che avrai bisogno di gestire, esistono soluzioni che ti consentono di lavorare da una sola dashboard, completa e intuitiva da utilizzare. Questo ti permetterà di aggiungere prodotti, creare il checkout e gestire diverse operazioni di marketing in pochi passaggi.

Inoltre, dal tuo sito potrai anche monitorare i dati sull’andamento delle vendite e sul comportamento degli utenti durante la navigazione. Così potrai apportare modifiche ogni qualvolta si renderanno necessarie e lavorare per ridurre l’abbandono dei carrelli.

vendere prodotti online

Nel caso tu abbia già un sito aziendale, non è necessario eliminarlo e ricominciare tutto da capo. Basta collegare il tuo negozio online al sito esistente e farli lavorare di pari passo.

3. Configura le modalità di pagamento

Per iniziare a vendere online, è necessario prevedere sistemi di pagamento online di diverso tipo, in modo che gli utenti non vengano scoraggiati proprio in fase di acquisto.

Considera che ci sono sistemi più semplici e veloci di altri e sta a te valutare quale inserire.

Hai già un negozio fisico? In tal caso, sappi che puoi utilizzare il tuo gestore di POS sia per i pagamenti in negozio che per i pagamenti sul tuo e-commerce.

Se stai iniziando a costruire il tuo e-commerce da zero, puoi aprire un account commerciante o utilizzare sistemi di pagamento come PayPal, Square o Stripe, già molto diffusi e conosciuti.

In alternativa, esistono diversi servizi che non richiedono l’utilizzo della carta di credito e sono molto apprezzati dagli utenti, come:

  • Apple Pay;
  • Google Pay;
  • Amazon Pay;
  • Visa Checkout;
  • Masterpass.

In genere, chi utilizza questi servizi può salvare le proprie informazioni di pagamento e utilizzarle su più siti, senza doverle inserire ogni volta. Questo facilita gli acquisti e velocizza il processo di pagamento.

4. Scegli le modalità di spedizione dei prodotti

La spedizione è uno degli elementi cruciali per il commercio elettronico. Difatti è il momento che influisce di più sull’esperienza dell’utente durante l’acquisto online.

Quando si pianificano le modalità di spedizione da inserire, bisogna valutare bene il corriere a cui affidarsi e le tariffe da impostare. I clienti, ormai, sono abituati e apprezzano molto le spedizioni gratuite.

Ma come fai gestire i costi?

Per questo motivo, almeno all’inizio, puoi optare per le tariffe in tempo reale che ti fornisce il corriere. Queste vengono calcolate mentre il cliente predispone il suo ordine e ti permettono di non aumentare troppo il prezzo al cliente e non perdere il denaro della spedizione.

Nel caso tu venda prodotti digitali, come guide e-book o file, questo problema non si pone. Mentre, nel caso dei prodotti fisici, devi valutare bene le soluzioni e prevedere un set completo di strumenti di spedizione integrati sul tuo sito.

5. Pianifica le strategie di marketing per vendere online

Una delle prime azioni da fare, non appena il tuo sito è online, è lavorare ad una strategia di marketing per attirare visitatori.

La promozione di un sito e-commerce deve passare per un approccio multicanale, che includa queste attività:

  • Social media marketing;
  • E-mail marketing;
  • SEO;
  • Pubblicità Online;
  • Marketing Automation.

I social network hanno milioni di utenti che si connettono in maniera regolare ogni giorno. Per questo sono un’ottima vetrina in cui mostrare i tuoi prodotti, parlare del tuo brand e interagire con la community.

I più adatti per un sito e-commerce sono Facebook, in cui raccontare la propria storia aziendale, Instagram e Pinterest, in cui mostrare i prodotti, spiegare il modo in cui si utilizzano ed entrare in contatto con i gruppi di settore.

Le newsletter sono delle comunicazioni che si inviano via email in modo regolare per informare i clienti su novità, promozioni, eventi aziendali. Servono per mantenere il contatto con i clienti e per ricordargli del brand.

Per comparire nelle ricerche dei clienti, è necessario ottimizzare il sito per i motori di ricerca come Google, Bing e, se vendi all’estero, anche Yandex e Baidu. Il miglioramento a livello SEO passa da molte configurazioni del sito (struttura dell’URL, velocità di caricamento, metadati, sitemap XML, ottimizzazione delle immagini eccetera).

Le ads a pagamento sono indispensabili per dare un’accelerazione immediata alle vendite del tuo sito e dovresti sempre prevedere un budget da investire in questa attività.

6. Fai crescere la tua attività 

Vedere il tuo sito online e iniziare a ricevere i primi ordini è un momento davvero emozionante. I primi successi vanno festeggiati ma, per aumentare le vendite del tuo negozio online, non devi perdere di vista i tuoi obiettivi e imparare a monitorare i dati.

  • C’è qualcosa che non va?
  • Quanti carrelli abbandonati ci sono?
  • Dove si blocca l’attività dei tuoi clienti?
  • Puoi migliorare la user experience di chi visita il tuo sito?

I siti e-commerce forniscono rapporti sul traffico e le attività dei clienti. E questo ti permette di lavorare sul tuo inventario, migliorare il tuo servizio clienti e aggiustare il tiro laddove ce ne sia bisogno.

Puoi anche incrociare i dati con quelli di Google Analytics e Google Tag Manager, per monitorare meglio l’andamento delle vendite e lavorare sulla tua strategia di marketing digitale.

Conclusione

Il commercio elettronico ha avuto un’accelerazione enorme negli ultimi anni e si prevede che il trend continuerà a crescere. Il mercato offerto da Internet è infinito e, nonostante la presenza di negozi di online di ogni genere, c’è ancora spazio per costruire nuove occasioni di business.

La scelta dei prodotti giusti da vendere è un punto fondamentale per portare al successo il tuo negozio e il tuo brand. Un buon assortimento comprende sia articoli di largo consumo che prodotti di nicchia, da scegliere in base alla loro capacità di risolvere problemi, alle tendenze del mercato, alle tue passioni e alle passioni dei clienti.

Una volta scelto il settore, gli step successivi includono la scelta del nome del dominio, la creazione del sito e-commerce, la configurazione dei pagamenti e la selezione dei corrieri a cui affidare la spedizione dei prodotti.

Per generare traffico e aumentare le vendite del tuo e-commerce, inoltre, è necessario che tu abbia una strategia di marketing mirata.

Se non te la senti di fare tutto da solo e non vuoi commettere errori, contattaci per avere una consulenza a tutto tondo, che passa dalla creazione alla promozione del tuo negozio online. Grazie alle nostre competenze e alla nostra esperienza, ti aiuteremo a far volare le tue vendite.


Consulenza E-Commerce è un’agenzia di Milano specializzata nella creazione, ottimizzazione e crescita di siti e-commerce. Un team di oltre 50 persone verticali sul commercio elettronico segue i progetti in tutte le loro fasi, dall’idea alla realizzazione.
Scrivici per informazioni

Articoli correlati