10 strategie per guadagnare (tanto) con l’e-commerce

27 Gennaio 2021 11 minuti
Guadagnare con l'e-commerce

Guadagnare con un sito e-commerce è l’obiettivo di tanti imprenditori che vendono online o vogliono iniziare a farlo.

Se stai valutando un investimento e vuoi scoprire se aprire un e-commerce conviene, devi assolutamente sapere come fare per generare un reddito con un negozio online che vende prodotti o servizi.

Tuttavia, la maggior parte di coloro che aprono un sito e-commerce commettono spesso un grave errore: pensano che sia facile vendere e ottenere un ritorno sull’investimento profittevole.

La verità è molto lontana da questa frase. 

Uno studio della Camera di Commercio riporta che il 90% degli e-commerce in Italia chiude entro i primi dodici mesi di attività. 9 e-commerce su 10 falliscono ancora prima di festeggiare un anno di vita.

In questo articolo scoprirai quali sono i motivi che portano alla chiusura di negozio online e come si fa veramente a fare soldi e a guadagnare con un e-commerce.

Se hai già iniziato a vendere online e hai un e-commerce, questi suggerimenti potrebbero tornarti d’aiuto per analizzare la tua situazione e scoprire in quali aree puoi migliorare.

Se invece non hai ancora un negozio online ma vuoi aprirne uno a breve, questi consigli ti faranno iniziare nel modo giusto. 

E’ arrivato il momento di scoprire quali sono i motivi principali per cui gli e-commerce falliscono: conoscerli ti darà la possibilità di evitare errori e di non sbagliare.

Mancanza di un brand

Qual è il motivo principale per cui molti e-commerce chiudono entro 12 mesi? 

La verità è che vengono aperti store online che vendono a prezzi più alti gli stessi prodotti presenti su Amazon, Ebay e altri Marketplace. 

In questo caso, basta una semplice ricerca su Google o su siti comparatori come trovaprezzi.it per trovare altri negozi che offrono lo stesso prodotto o servizio ad un prezzo più basso.

L’unico modo per competere contro i giganti del settore online come Amazon o Ebay è quello di creare un brand unico e riconoscibile. Aprire un e-commerce e lanciare una campagna pubblicitaria non basta più. La concorrenza è tanta e le persone sono diventate più sveglie. Devi riuscire a distinguerti dalla massa e ad offrire un servizio o un prodotto unico.

Se ti stai chiedendo come puoi creare un brand o distinguerti dagli altri se vendi gli stessi prodotti o servizi della concorrenza, ti lascio un piccolo consiglio.

Crea materiale informativo da allegare, gratuitamente o a pagamento, all’acquisto dei prodotti.

Ad esempio, se vendi attrezzi per la palestra, prepara un piccolo opuscolo con alcuni esercizi o dei mini workout che puoi eseguire con gli strumenti acquistati.

Se vendi accessori per la cucina allega un manuale con alcune ricette da preparare.

Puoi creare materiale informativo per qualsiasi prodotto o servizio a disposizione.

Mancanza di un business plan 

business plan efficace per guadagnare con l'e-commerce

Quando un imprenditore decide di chiudere un e-commerce significa che non sta vendendo quanto si aspettava, o addirittura non ha recuperato l’investimento iniziale.

In questo caso si tende a dare la colpa all’agenzia che ha costruito l’e-commerce o a chi ha promesso risultati straordinari che non sono mai arrivati.

Ma la verità molto spesso è un’altra: manca un business plan.

Se non viene preparato un business plan, nessuna campagna pubblicitaria, nessuna azione di marketing, nessuna strategia sarà in grado di generare profitto. Per questo è importante scegliere un’agenzia web che abbia non solo le conoscenze tecniche per costruire un e-commerce, ma che sia anche in grado di generare una strategia e un business plan che ti faccia guadagnare realmente. 

Analizzare i numeri e tenere sotto controllo i costi e i profitti è fondamentale per un progetto a lungo termine. Spesso la maggior parte dei progetti fallisce perché non si calcolano i margini ed i profitti dei prodotti e di ogni singolo ordine ricevuto.

Ad un aumento del fatturato deve corrispondere anche un aumento dei guadagni e del profitto dell’azienda. Non controllare questi dati è un grande rischio che può mettere in pericolo il successo e la crescita dell’e-commerce.

Quanto costa aprire un e-commerce?

Aprire un e-commerce comporta ovviamente dei costi, che possono essere più o meno sostenuti.

Tutto dipende dalle tue esigenze e soprattutto dalle tue tasche. 

Puoi aprire un e-commerce con poche centinaia di euro, creare uno store da solo e mettere in vendita i tuoi prodotti o servizi.

Ma devi tenere in considerazione tantissimi aspetti che vanno dalla user experience dei visitatori, al trattamento dei dati personali, a dettagli più tecnici come l’installazione del pixel, dei plugin e tanto altro.

Puoi aprire un e-commerce da solo e prenderti cura di tutti questi aspetti, oppure puoi richiedere una consulenza e-commerce ad un’agenzia specializzata e valutare insieme qual è la soluzione migliore per le tue esigenze.

I costi per aprire un e-commerce come abbiamo detto dipendono da vari fattori, per questo non spendere un solo euro prima di aver contattato uno specialista ed esserti schiarito le idee su qual è la strada migliore da intraprendere.

Cosa bisogna fare per aprire un e-commerce? 

Ora che hai le idee più chiare e hai deciso di aprire un sito e-commerce, come procediamo?

Se sei un imprenditore, probabilmente avrai già un’attività locale, o comunque venderai i tuoi prodotti e servizi con altri canali.

Se invece vuoi aprire il tuo primo e-commerce e iniziare a guadagnare online, dovrai avere un business plan in cui pianifichi nel dettaglio cosa vuoi vendere, qual è il tuo target e quali sono i tuoi obiettivi a medio e lungo termine.

Una strategia di marketing è fondamentale per iniziare un business di successo nel modo giusto, sia offline che online.

Una volta che hai deciso i prodotti da vendere, il target di riferimento, il budget a disposizione, devi procedere con la creazione di un brand.

In particolare, dovrai decidere il nome del tuo e-commerce e l’URL del dominio che vorrai utilizzare.

Adesso bisogna scegliere la miglior piattaforma per costruire un e-commerce: le più diffuse sono WooCommerce, Magento, Prestashop e Shopify.

Non esiste una piattaforma migliore di un’altra, se non sai cosa scegliere puoi chiederci aiuto, uno dei nostri esperti ti saprà consigliare qual è la piattaforma più adatta alle tue esigenze specifiche.

Il prossimo passo è quello di scegliere il tema da utilizzare. Ricorda che il design del tuo sito deve essere funzionale: deve farti vendere di più, non deve essere soltanto bello da vedere.

L’importante è avere un sito veloce, ottimizzato sia per le visite da mobile che da desktop, e orientato alla vendita. L’esperienza che ogni utente vive quando naviga tra le tue pagine deve essere curata in ogni suo aspetto. In particolare quest’ultimo punto significa che ogni pagina deve spingere l’utente a compiere un’azione, che può essere l’acquisto di un prodotto, la richiesta di un preventivo, l’iscrizione alla newsletter e così via.

Dai sempre la priorità alle performance piuttosto che alla grafica e alla creatività.

A questo punto abbiamo il nostro brand, abbiamo acquistato il nostro dominio, abbiamo scelto la piattaforma da utilizzare… dobbiamo aggiungere i prodotti che vogliamo vendere.

Ora sei quasi pronto per iniziare a guadagnare con un e-commerce.

Guadagnare realmente con un e-commerce

Se vuoi davvero guadagnare con un e-commerce e fare soldi online, devi assicurarti di avere un business plan solido e a lungo termine e inoltre di avere un brand forte, riconoscibile e vincente.

Sviluppare un e-commerce conviene davvero soltanto quando riesci a distinguerti dalla massa e ad offrire un prodotto o servizio unico. 

E se non sai da dove iniziare, puoi sempre prendere in considerazione l’idea di richiedere una consulenza e-commerce.

Se sei un imprenditore e vuoi vendere di più con il tuo negozio online, oppure se vuoi guadagnare con un e-commerce, una consulenza con uno dei nostri esperti può schiarirti le idee e aiutarti a raggiungere gli obiettivi che desideri.

Se vuoi scoprire di più, compila il form che trovi in fondo alla pagina e sarai ricontattato da uno dei nostri esperti.

Ma come si fa a guadagnare davvero con un e-commerce?

Esistono alcune strategie e tecniche di marketing che possono aiutarti a vendere di più e ad aumentare i tuoi profitti se le metti in pratica nel modo giusto.

Sono strategie che devono utilizzare tutti: chi ha già un e-commerce e vuole ottimizzarlo per vendere di più, oppure chi parte da zero e vuole iniziare nel modo giusto.

Up-sell e cross-sell

strategie di up-selling e cross-selling per guadagnare con l'e-commerce

Per vendere di più con un e-commerce devi assolutamente realizzare un sistema di up-sell e di cross-sell.

Sono due strategie che ti consentono di aumentare il margine medio di ogni transazione: in questo modo potrai guadagnare di più anche senza trovare nuovi clienti.

Ma cosa sono Up-sell e cross-sell?

Scopriamolo subito.

L’Up-Sell si ha quando proponi una versione premium, con più accessori o più completa di un prodotto o servizio.

Per poterlo offrire ovviamente è importante che tu abbia una versione base e una “full-optional” di alcuni prodotti o servizi che offri.

Il Cross-Sell invece è una tecnica che puoi utilizzare per vendere prodotti o servizi complementari a quello che sta per acquistare il tuo cliente.

Queste due strategie sono semplici ma allo stesso tempo molto potenti, e utilizzarle ti farà aumentare il fatturato sin da subito, anche senza trovare nuovi clienti.

Retargeting

Retargeting per guadagnare con l'e-commerce

Il 98% dei tuoi visitatori non acquisterà da te al primo tentativo. Significa che su 100 persone che visitano il tuo sito web e navigano sul tuo e-commerce, 98 di queste non acquisteranno subito. Il retargeting ti dà la possibilità di continuare a mostrare i tuoi prodotti a queste persone e ad inseguirle anche quando navigano sui Social, guardano un video su YouTube, leggono un articolo su un notiziario e così via. 

Una buona strategia di retargeting ti farà recuperare una grande percentuale di acquirenti che altrimenti avresti perso per sempre.

Campagne pubblicitarie di retargeting sono fondamentali, non puoi assolutamente farne a meno. Se hai già un e-commerce assicurati di avere attive le campagne di retargeting e di analizzare la loro struttura.

Se stai ancora progettando il tuo e-commerce, ricordati di pianificare sin da subito le azioni di retargeting e di creare le campagne pubblicitarie per inseguire i tuoi visitatori.

Email Marketing

e-mail marketing per guadagnare con l'e-commerce

L’email marketing è un altro strumento indispensabile per aumentare le conversioni del tuo e-commerce e vendere di più.

Le email sono fondamentali perché creano una relazione con i tuoi visitatori e clienti.

Se una persona ha già acquistato da te può ricevere un’email per approfittare di una promozione particolare.

Se una persona ha aggiunto un prodotto al carrello e non ha completato l’acquisto può ricevere un’email per ricordarsi di completare l’ordine.

Se una persona si è iscritta alla tua newsletter può ricevere un’email per scoprire sconti e offerte in anteprima.

E così via.

Come per il Retargeting, anche le Email sono uno strumento molto efficace per aumentare le vendite e restare in contatto con i tuoi visitatori e clienti.

SMS

Un altro canale molto utile e anche poco diffuso per recuperare gli ordini abbandonati sono gli SMS. Una campagna di SMS costa poco e ha un grande ritorno sull’investimento. Anche in questo caso hai la possibilità di inseguire gli utenti del tuo sito dopo che hanno effettuato una determinata azione. 

Per gli SMS la strategia più diffusa è quella di inviare un promemoria quando si aggiunge un prodotto al carrello e non si completa il checkout per l’acquisto. Con gli SMS puoi ricordare all’utente che il prodotto è ancora disponibile e sollecitare l’acquisto prima che si dimentichi di te o cambi idea.

Qual è lo strumento migliore?

Ti stai chiedendo qual è lo strumento migliore tra Retargeting, Email Marketing ed SMS?

Come spesso accade nel marketing, la risposta è: dipende.

Non esiste uno strumento migliore degli altri. Sono tutti e 3 ottimi strumenti e hanno tutti lo stesso scopo: aumentare le vendite.

Il mio consiglio è quello di testare tutti gli strumenti, anche in combinazione tra di loro.

Prova ad immaginare: un utente naviga sul tuo sito e scopre un prodotto interessante, ma non lo acquista.

Allora imposti una strategia di Retargeting e gli mostri il tuo prodotto mentre naviga sui Social, mentre legge un articolo sul suo quotidiano preferito, oppure mentre guarda un video su YouTube.

Nel frattempo da anche un’occhiata alle email ed ecco che gli arriva un tuo messaggio dove gli fai vedere ancora una volta il prodotto che aveva adocchiato, ed in più gli dai anche un codice sconto per motivarlo ad acquistare subito.

Non ha ancora comprato? Nessun problema.

Puoi inviargli un SMS e ricordargli che il prodotto è molto richiesto e sta per esaurirsi, perciò è importante acquistarlo subito e non lasciarsi scappare quest’occasione!

Tutto questo è molto interessante, non trovi?

Bene, questa è solo una delle tante strategie che puoi mettere in pratica per vendere di più e aumentare il tasso di conversione del tuo e-commerce.

Se vuoi saperne di più e approfondire le strategie di Retargeting per il tuo negozio online puoi richiedere una consulenza e-commerce con uno dei nostri esperti e insieme potrete trovare la soluzione migliore più adatta al tuo caso specifico.

I nostri esperti possono aiutarti dalla A alla Z. Se hai un’idea noi ti aiutiamo a svilupparla, così da iniziare a vendere online e  guadagnare con l’e-commerce.

Contattaci subito scrivendo cosa vuoi realizzare e come possiamo aiutarti, noi ti risponderemo al più presto!


 

 

Scrivici per informazioni

Articoli correlati