Audit SEO: perché farla e come leggerla

28 Luglio 2021 18 minuti
audit seo

L’ottimizzazione per i motori di ricerca, la SEO, non riguarda solo la creazione di testi come gli articoli del blog: devi anche assicurarti che i tuoi contenuti vengano trovati facilmente e che siano indicizzabili dai motori di ricerca.

In questo post, quindi discuteremo insieme del perché hai bisogno di fare un audit SEO per l’ottimizzazione dei motori di ricerca, e come leggerlo per capire cosa dicono le varie voci.

Quando stai costruendo un sito web, o vuoi posizionare un e-commerce su Google, una delle cose più importanti a cui devi assolutamente pensare è come ottimizzare il tuo sito per i motori di ricerca e riuscire a scalare la classifica dei risultati.

Questo è un processo fondamentale per far sì che il tuo sito si posizioni più in alto. Ci sono molti modi diversi per farlo, e molte ragioni diverse per cui potresti volere che il tuo sito si posizioni più in alto.

Per esempio, diciamo che il tuo sito e-commerce vende prodotti per cani e hai un post sul blog che parla di “cibo per cani di taglia media”. Quando fai una ricerca su Google, il tuo articolo apparirà nei risultati di ricerca.

Ma cosa succede se hai fatto un errore in quell’articolo? Potrebbe esserci un link a un sito non correlato o la tua pagina potrebbe mancare di parole chiave importanti.

È difficile trovare errori come questi senza l’aiuto di una SEO audit.

Quindi perché è importante farla? L’audit SEO ti aiuta a trovare gli errori che possono danneggiare la visibilità del tuo sito web o del tuo e-commerce su Google.

Cos’è la SEO Audit

In una strategia SEO per e-commerce o siti web, fare un Audit SEO è diventata una pratica sempre più frequente è importante. Molto spesso progetti che hanno un’ottima strategia di marketing non ottengono i risultati desiderati perché vengono trascurati dei punti importanti legati alla visibilità online che invece potrebbero dare un’enorme spinta alla SEO.

Quindi fare un Audit SEO sia in fase di analisi e di costruzione di un sito web o di un e-commerce, e non solo quando si verificano dei problemi, è una soluzione da non sottovalutare perché può portare grandi benefici.

Ma che cos’è nel dettaglio un Audit SEO?

Un Audit SEO è un’analisi dettagliata, che serve a studiare tutti gli aspetti di un sito web o di un e-commerce per trovare gli elementi che influenzano positivamente o negativamente l’impatto sulla visibilità dei contenuti nei motori di ricerca.

Le classifiche dei motori di ricerca cambiano ogni giorno. Il traffico che ricevi sul tuo sito viene sottratto a quello di qualcun altro. È un mercato competitivo, in continua evoluzione.

E se il ranking di ricerca del nostro sito inizia a peggiorare o non decolla, è incredibilmente importante diagnosticare correttamente il problema prima di cercare una soluzione.

Così proprio per fare questo, Consulenza E-commerce ha sviluppato un audit SEO per e-commerce che eseguiamo prima di iniziare qualsiasi lavoro on-page o off-page, e che ci darà una grande mano per migliorare le prestazioni sui motori di ricerca.

Perché hai bisogno di una SEO Audit

audit seo analisi serp

Lo sapevi che una persona su quattro fa acquisti online almeno una volta alla settimana?

Le vendite online mondiali in crescita e vengono stimate oltre i 6,5 trilioni di dollari entro il 2023: la vendita al dettaglio online non sta solo crescendo in popolarità, ma è davvero un grande business, con una grande concorrenza sempre più agguerrita.

La difficoltà per molti siti e-commerce è che tra i competitor ci saranno anche giganti online come Amazon ed eBay, per non parlare dei punti vendita diretti che ora hanno aperto i propri siti di e-commerce per lo shopping online.

Se hai qualche possibilità di apparire nella prima pagina di Google, allora dovrai sviluppare una forte strategia SEO per il tuo e-commerce, e questa può essere sviluppata solo una volta che hai una buona comprensione di quali elementi del tuo sito devono essere migliorati.

Google esamina i siti per prendere una decisione su dove dovrebbero apparire nelle sue pagine dei risultati. Gli elementi che esamina sono chiamati segnali di ranking e ce ne sono oltre 200.

Il modo migliore per identificare e migliorare questi “segnali” è eseguire un audit SEO del tuo e-commerce. Audit completi valuteranno il più significativo di questi segnali di ranking per identificare dove il tuo sito può migliorare. Mettere a posto queste cose aumenterà le tue possibilità di posizionarti in alto nelle SERP e contribuirà ad aumentare il traffico organico al tuo sito.

Quali sono i punti trattati su una SEO Audit

Come abbiamo visto prima, la SEO Audit è fondamentale per analizzare e monitorare lo stato di salute di un sito web, perché da la possibilità di scovare tutti i problemi e gli errori che influenzano negativamente lo stato di ottimizzazione di un e-commerce per i motori di ricerca.

Per questo, ci sono diversi aspetti che vengono analizzati e approfonditi in una SEO Audit: grazie a questi riuscirai a capire cosa sta frenando la crescita del tuo store.

Prima di iniziare una SEO Audit, il team di Consulenza E-commerce preparerà una check list con i punti da analizzare, per capire poi quale sarà la strada migliore da seguire per ottimizzare il tuo e-commerce.

Poi, si analizzeranno le parole chiavi principali e secondarie in base agli argomenti trattati, ai prodotti che vendi e anche ai volumi di ricerca.

Adesso è arrivato il momento di vedere nel dettaglio cosa comprende un Audit SEO e cosa troverai all’interno del tuo documento quando l’analisi per il tuo e-commerce sarà completata.

Velocità del sito

La velocità di caricamento del tuo sito e-commerce e di ogni singola pagina è importante perché le pagine più veloci sono più efficienti, e offrono un’esperienza utente molto migliore.

Secondo un recente studio di Google, infatti, se una pagina impiega più di 3 secondi per caricarsi, più di un quarto degli utenti abbandonerà la navigazione.

E la velocità di caricamento è molto importante soprattutto per gli utenti che navigano da mobile. La velocità di caricamento della pagina influisce anche sul tasso di conversione, per le stesse ragioni. Quindi se vuoi vendere di più, il primo aspetto che devi tenere sotto controllo è la velocità di caricamento delle tue pagine.

Allo stesso modo, la velocità di caricamento della pagina è importante anche per l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO).

Nel 2010, Google ha annunciato che la velocità della pagina sarebbe stata inclusa come uno dei fattori di ranking per il suo indice di ricerca.

Nel 2017, Google ha annunciato che darà ancora più importanza alla velocità della pagina, incorporando la velocità del sito mobile per classificare i siti nelle sue pagine “mobile-first” o pagine che individuano le classifiche per i siti mobili. Google sta anche sperimentando un Accelerated Mobile Pages Project (AMP), un progetto che mira a caricare le pagine più rapidamente sui dispositivi mobili.

Più di recente, il motore di ricerca ha ampliato l’importanza dell’esperienza utente introducendo Page Experience ai suoi segnali di ranking. Questo nuovo segnale di ranking combina i Core Web Vitals con metriche esistenti come l’ottimizzazione per i dispositivi mobili e la navigazione sicura per creare segnali di ricerca per l’esperienza complessiva della pagina.

I segnali di Page Experience mirano a valutare le pagine web in base alla qualità della loro esperienza utente per le persone reali. In breve, espandono i recenti criteri sulla pagina di Google con fattori che influenzano l’esperienza della persona mentre consuma il contenuto.

Errori tecnici

audit seo errori 404

Ci sono alcuni errori molto comuni che riscontriamo spesso nelle SEO Audit per i nostri clienti, e riguardano sia aspetti on-page che off-page.

Questi errori a volte non sono visibili ad un occhio poco esperto, ma l’obiettivo di una SEO Audit è proprio quello di smascherarli e di risolverli per migliorare le prestazioni di un sito e-commerce.

Ad esempio, alcuni tra gli errori tecnici più comuni sono quelli legati alla scansione e all’indicizzazione del sito e-commerce, perché influenzano negativamente il ranking del tuo store.

Sto parlando di errori come pagine impossibili da caricare perché hanno URL errati, o ancora contenuti duplicati come title e meta description.

I contenuti duplicati infatti sono uno degli elementi che influenzano di più il ranking di un sito in modo negativo, ma ne esistono anche altri.

Ad esempio, le immagini senza attributo ALT o l’assenza delle meta description nelle pagine prodotto.

Usabilità sui dispositivi mobili

Negli ultimi anni il traffico da dispositivi mobili ha superato quello da desktop, per questo verificare e ottimizzare l’usabilità del tuo e-commerce sui dispositivi mobili è fondamentale per garantire ai tuoi utenti un user experience adeguata.

Questo è un errore molto grave perché la mancanza di una pagina del prodotto ottimizzata per i dispositivi mobili può indurre gli utenti a non considerare nemmeno l’acquisto dei prodotti dal tuo sito.

A partire dal 2016, Google infatti ha iniziato a classificare sia i siti desktop che quelli mobile utilizzando le metriche del sito mobile. Quindi una scarsa esperienza mobile trascinerà verso il basso le posizioni delle tue pagine.

Se gli utenti preferiscono utilizzare i dispositivi mobili, Google deve premiare i siti web e le pagine che si adattano a una visualizzazione migliore su telefoni e tablet.

Oggi realizzare un sito con WordPress, Magento o PrestaShop ti aiuta in questo, tuttavia ci sono ancora molte aziende che hanno e-commerce vecchi e poco aggiornati che non rispettano le dimensioni dei dispositivi mobile.

Le SEO in questo caso si trasforma in SEO mobile e dipende molto dal design e dall’UX. Il tuo sito viene premiato in base a:

  • Visualizzazione mobile, che prevarrà sulla visualizzazione da desktop;
  • Perfetta adattabilità a tutti i dispositivi;
  • Navigazione fluida grazie a un design semplice.

Se una volta la visualizzazione da desktop e da mobile ottenevano due punteggi differenti, ora non è più così. La tendenza SEO per il 2021 sarà quindi quella di lavorare affinché il tuo sito sia perfettamente utilizzabile da mobile. Se non possiede ancora queste caratteristiche, devi effettuare una migrazione al più presto o intervenire affinché diventi mobile friendly.

Sicurezza

Uno dei temi fondamentali per chi naviga su e-commerce ed effettua acquisti online è quello della sicurezza. Quando si fa un acquisto online, infatti, non ci sono antivirus o sistemi di protezione che tengono al sicuro gli utenti che navigano sul web.

Per questo è fondamentale avere un e-commerce e un sistema di pagamento certificato e sicuro per chi acquista, ma anche per te che ricevi ordini e pagamenti.

L’elemento principale per garantire la sicurezza ai tuoi utenti e ai nuovi visitatori è sicuramente la presenza del certificato SSL. Il certificato SSL è utile per creare un collegamento sicuro e crittografato tra il browser di chi naviga su internet e il server su cui si appoggia un e-commerce o un sito web. In questo modo, quando si deve effettuare un pagamento, il certificato SSL protegge le informazioni sensibili come i dati della carta di credito per evitare che vengano intercettate da hacker o malware.

Avere un certificato di sicurezza crea fiducia nei confronti dei tuoi visitatori e aiuta le persone che non ti conoscono ancora a verificare che il tuo e-commerce è sicuro ed affidabile. E non solo.

Un certificato SSL aiuta anche il tuo sito o e-commerce ad avere un migliore posizionamento SEO, visto che dal 2018 viene considerato da Google come uno degli elementi di ranking più importanti.

Come si fa a vedere se il tuo sito web ha già il certificato SSL? È molto semplice: devi semplicemente dare un’occhiata alla barra URL del tuo browser come Google Chrome o Safari e verificare se c’è un piccolo lucchetto verde prima del tuo indirizzo.

Oppure, un altro indicatore del certificato SSL è la presenza di “https” prima del dominio del tuo e-commerce.

Struttura e architettura

audit seo su SemRush

Per aiutare l’indicizzazione delle pagine di un sito web o di un e-commerce è fondamentale lavorare sulla struttura e l’architettura di tutte le pagine che lo compongono. Questo aiuterà gli utenti a navigare facilmente tra un contenuto e l’altro, e sarà ben visto anche da Google che ti darà maggiori probabilità di posizionarti più in alto nei risultati di ricerca.

Con un’alberatura ben strutturata, il tuo e-commerce riuscirà a comunicare facilmente con Google, perché i crawler lavoreranno meglio e in meno tempo. Aiuta Google a scansionare bene il tuo sito web e fagli capire che la tua home page è ben collegata a tutte le altre pagine importanti, e lui ti premierà con una posizione più alta in classifica.

Inoltre, anche gli utenti e i visitatori ne saranno contenti perché aiuterai la loro esperienza di navigazione consentendogli di restare più a lungo sulle tue pagine, aumentando il tempo di permanenza sul tuo e-commerce e riducendo la frequenza di rimbalzo.

Per farlo inizia ad organizzare meglio i menù del tuo sito, ma anche le pagine relative alle categorie e ai prodotti che metti in vendita.

Tutto deve essere organizzato, proprio come un libro: all’inizio troverai un indice, che è il menù o l’home page del tuo e-commerce, poi ci saranno i vari capitoli, e quindi le pagine e le categorie, e infine ci saranno i contenuti veri e propri.

Un elemento sottovalutato quando parliamo di struttura e architettura di un sito web invece è il tag. Spesso, infatti, si pensa soltanto a suddividere le pagine in questo modo:

  • Homepage;
  • Categorie;
  • Pagine.

Tanti, infatti, dimenticano che l’utilizzo dei tag è un altro metodo molto efficace ma altamente sottovalutato che ti da la possibilità di creare una struttura alternativa.

Ti basta pensare ad esempio che con i tag puoi raggruppare i tuoi prodotti per materiale, colore, o qualsiasi altro attributo ti venga in mente.

Permalink

I permalink sono una parte importante del tuo e-commerce poiché sia ​​i motori di ricerca che i visitatori utilizzano questi URL per indicizzare e visitare le tue pagine. Il tipo di permalink che scegli influenza il modo in cui Google e i tuoi utenti vedono e apprezzano il tuo sito.

Il permalink è l’URL completo che vedi, e usi anche tu, per ogni articolo, pagina, prodotto o un altro contenuto del tuo sito. È un collegamento permanente, da cui il nome permalink.

Potrebbe includere il tuo nome di dominio (www.consulenzaecommerce.it) più quello che viene chiamato slug, la parte dell’URL che viene dopo il nome di dominio. Questo potrebbe includere una data o una categoria o qualsiasi cosa tu voglia.

Un semplice permalink rende un URL facile da capire e condividere. Assicurati di scegliere una struttura di permalink che sia chiara da leggere e comprensibile. In un e-commerce ti basta indicare la categoria e il nome del prodotto, non serve aggiungere altri elementi che avrebbero soltanto la funzione di creare confusione e potrebbero influire negativamente con il posizionamento delle tue pagine.

Il nostro consiglio, quindi, è quello di utilizzare una struttura permalink semplice e chiara. Quindi per la maggior parte dei siti e-commerce, ha senso aggiungere il nome del prodotto al nome del dominio, mentre in alcuni casi, una categoria aiuterà a creare una gerarchia più strutturata nei tuoi URL. Tieni presente però che in questo modo potresti avere URL troppo lunghi.

Contenuti

Contenuti e SEO vanno di pari passo. Le persone usano i motori di ricerca per trovare risposte o soluzioni alle loro domande, e i motori di ricerca forniscono i contenuti più pertinenti che riescono a trovare. Non importa se il risultato di ricerca principale potrebbe essere un post sul blog, un video di YouTube o una descrizione del prodotto, l’importante è ottimizzare i tuoi contenuti.

Quando parliamo di contenuti in ottica SEO intendiamo qualsiasi contenuto creato per aumentare il posizionamento sui motori di ricerca, e quindi il traffico diretto verso il tuo sito web.

I motori di ricerca mostrano i risultati organici in base alla pertinenza e all’autorità di una pagina web. La pertinenza è determinata dalla frequenza con cui si utilizzano parole chiave e frasi specifiche all’interno del contenuto di una pagina Web e l’autorità è determinata dal numero di backlink affidabili che puntano a quella pagina.

Per rendere i tuoi contenuti più SEO-friendly, quindi i tuoi contenuti dovrebbero essere organizzati in modo logico, contenere parole chiave pertinenti ed essere scritti pensando al tuo pubblico.

Anche il modo in cui decidi di raggruppare e strutturare i tuoi contenuti avrà un impatto sulla SEO.

Oggi non parliamo soltanto di ottimizzazione per singole parole chiave, ma è anche possibile ottimizzare per argomenti e keywords più lunghe, le famose parole chiave a coda lunga.

Quindi se le parole chiave della tua nicchia sono già molto competitive, sfruttando questo approccio potrai comunque riuscire a generare più traffico e aumentare le visite al tuo sito o e-commerce, considerando che circa il 70% delle visualizzazioni di pagina è un risultato che arriva da ricerche con parole chiave a coda lunga.

Dati Strutturati

audit seo rich snippet

Quando parliamo di dati strutturati facciamo riferimento a delle meta-informazioni utilizzate da Google per riuscire a capire meglio il contenuto di una pagina web e a classificarlo con più precisione.

I dati strutturati seguono il vocabolario di Schema.org, che da la possibilità a Google di capire meglio il significato delle informazioni e quindi può restituire agli utenti che effettuano una ricerca dei risultati più pertinenti.

I dati strutturati dovrebbero essere inseriti in tutte le pagine possibili, e per implementarli nel codice HTML di un sito o un e-commerce possono essere utilizzati 3 diversi linguaggi: RDFa, Microdati e JSON-LD.

Quando parliamo di dati strutturati parliamo di un argomento molto tecnico, per questo la stessa Google mette a disposizione uno strumento automatico per generarli e implementarli su un qualsiasi sito web: parliamo del Google Structured Data Markup Helper.

Quindi, dovresti usare i dati strutturati per aiutare i motori di ricerca a capire con più facilità le informazioni contenute su una pagina web, evitando il rischio di commettere errori e di nascondere informazioni che invece potrebbero essere molto importanti per gli utenti che effettuano una ricerca.

Inoltre, i dati strutturati vengono utilizzati da Google per creare elementi più specifici come i rich snippet, le rich card e knowledge graph che vengono mostrati nelle SERP.

I rich snippet mostrano un risultato più completo rispetto un link tradizionale, e hanno un duplice effetto:

  • Aumentano il CTR del link, e quindi la quantità di click ricevuti per numero di impression;
  • Riducono lo spazio visivo nella SERP per i link dei siti concorrenti, perché occupano più righe di testo, dando più visibilità al contenuto che li presenta.

Traffico in target

Quando aumenta il traffico ricevuto da un sito web e allo stesso tempo le conversioni o gli acquisti restano stabili, è stato fatto un lavoro superficiale sulla ricerca delle parole chiavi.

Questo ha portato ad un traffico sporco indirizzato verso il nostro sito web, che non ha portato i risultati desiderati.

L’obiettivo di un Audit SEO invece è quello di individuare le giuste parole chiave per creare contenuti che possano portare traffico in target ed effettuare acquisti, prenotazioni o conversioni in generale.

Profilo link

I link in entrata segnalano la popolarità̀ di un sito sul web. Il valore di questi collegamenti

varia in base alla popolarità̀ dei siti dai quali provengono. I link testuali hanno un valore

aggiunto specialmente se contengono parole chiave.

Nello specifico il link profile evidenzia la situazione dei link in entrata secondo due criteri:

  • Trust Flow, un valore percentuale che stima il livello di affidabilità del sito da cui provengono link;
  • Citation Flow, una metrica percentuale che stima il valore quantitativo dei backlink che riceve un dominio.

I link rimangono uno dei primi tre fattori di ranking per Google, quindi è fondamentale impostare una strategia professionale per ottenere il massimo risultato.

Innanzitutto, assicurati di eliminare qualsiasi collegamento interrotto, perché i collegamenti esterni danneggiati influenzano negativamente la qualità di una pagina. Cosa puoi fare in questo caso?

Per iniziare, controlla se l’URL inserito è corretto. Ovviamente non hai le autorizzazioni per modificare altri siti web, ma devi assolutamente verificare che i link sul tuo sito funzionino correttamente. Quindi, se la pagina che stai linkando restituisce un errore ed il tuo link è corretto, devi soltanto metterti in contatto con il proprietario del sito web e far correggere a lui l’errore, oppure in alternativa puoi rimuovere il link danneggiato.

Poi, è molto importante creare anche una link building interna per organizzare al meglio tutti i contenuti presenti su un e-commerce.

Verifica Ora e Gratis lo status del tuo sito e-commerce

Ora sai come leggere un Audit SEO e perché è importante farla per un sito e-commerce, e quali sono i punti da tenere sotto controllo.

Tuttavia, potresti avere ancora dei dubbi su come trovare gli elementi da ottimizzare, e probabilmente dovrai anche decidere quale agenzia di marketing può aiutarti a realizzare un Audit SEO professionale.

Consulenza E-commerce può aiutarti grazie al nostro team di professionisti ed esperti che lavorano ogni giorno con un unico obiettivo: migliorare i risultati degli e-commerce delle piccole e medie imprese italiane.

Se vuoi saperne di più e verificare lo stato del tuo sito e-commerce, puoi richiedere un Audit SEO con uno dei nostri esperti e insieme potrete trovare la soluzione migliore più adatta al tuo caso specifico.

I nostri esperti possono aiutarti dalla A alla Z. Se hai uno store e vuoi conquistare le prime posizioni di Google, allora devi assolutamente partire da un Audit SEO per capire il livello del tuo sito web.

Contattaci subito scrivendo cosa vuoi realizzare e come possiamo aiutarti, noi ti risponderemo al più presto!


Consulenza E-Commerce è un’agenzia di Milano specializzata nella creazione, ottimizzazione e crescita di siti e-commerce. Un team di oltre 50 persone verticali sul commercio elettronico segue i progetti in tutte le loro fasi, dall’idea alla realizzazione.
Scrivici per informazioni

Articoli correlati